La traduzione dell’intervista a Mary Finnigan