Quando David Bowie si fece beffe del mondo dell’arte